Scienza

Il senso della voce

Articolo scritto da Marina Tripodi per Siing Magazine Volume 1

Ci siamo mai chiesti perché ascoltando la voce proviamo delle emozioni?

Ci sono voci che per noi hanno un senso (bello o brutto, buono o cattivo..) e ci sono suoni che rievocano ricordi, emozioni, paure…

Come può una stessa voce generare emozioni diverse in chi ascolta?
Qual è il motivo?
E quale il meccanismo che si attiva?
Molti sono gli studi (Anolli e Ciceri 2002 per es) condotti sulla decodifica (encoding) delle emozioni nella voce e molti altri studiosi ancora parlano di “emotional speech”.
Pochi però sono quelli che si occupano di analizzare le reazioni di chi ascolta la voce: l’ascolto della stessa può provocare emozioni dissimili in persone diverse (Kucharska-Pietura et al., 2003).

CODICE SCONTO : cantarefabene


Leggi anche l’articolo: Il growl: per te una delle prime ricerche scientifiche

Albert Hera

Albert Hera, cantante e sperimentatore vocale ama definirsi un narratore di suoni. Ideatore di Siing Network e di Siing Magazine porta avanti questa grande risorsa con passione ed energia.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio