Otis redding, quel giorno fatale dove il soul si fermò

Oggi mi siedo alla scrivania e penso a quante volte ho cantato questo grande artista, alle numerose volte che ho pronunciato la parola Amen, brano uscito postumo dopo la scomparsa di Otis Redding il 10 Dicembre 1967.
La sua arte, la sua sensibilità e il suo estro, segnarono nei 26 anni di vita un tracciato, una linea ben precisa di come si dovesse cantare il Soul.

Prima della sua morte i sette album raccontano la scalata di Otis Redding a partire dalla prima pubblicazione datata 1961 con il singolo Shout Bamalama.
In questo brano la voce sporca, un ritmo coinvolgente e una particolarità, un sax che insieme ai cori risponde al richiamo Shout diventano gli apripista di un modo di concepire l’anima “Soul”.

Di Otis Redding mi appassiona la sua vita, il suo amore per la famiglia, il modo di pensare e fare musica.
Nel libro del grande Alberto Castelli Soul to Soul viene raccontata l’ultima chiamata telefonica alla sua dolce amata Zelma, una telefonata struggente in cui Otis chiede apertamente alla moglie di essere una persona “brava”, brava per davvero. Un momento dove tutto sembrava scritto, quell’ultima frase, quell’attimo fuggente che ogni giorno può accadere alle nostre vite.

Otis Redding sarà presente nel nostro prossimo modulo di Siing Professional con l’arrangiamento corale a cappella scritto da Emanuele Fiammetti.
Oggi ti lascio con questa frase scritta da William Bell, Tribute To A King.

 

“Otis, Otis Redding era il suo nome. Senza il suo canto pieno di soul, questo vecchio mondo non sarà più lo stesso”

William Bell, Tribute To A King
Video Playlist
1/4 videos
1
Otis Redding - Shout Bamalama
Otis Redding - Shout Bamalama
02:07
2
Amen
Amen
03:07
3
Otis Redding   Try a little tenderness   Monterey 1967
Otis Redding Try a little tenderness Monterey 1967
05:42
4
[Sittin' On] The Dock Of The Bay
[Sittin' On] The Dock Of The Bay
02:43

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio