RISORSE

GRIOT E LE CHIAVI DELLE DODICI PORTE DEI MANDINGHI

I Griot sono persone che appartengono alla casta dei “ñàmàkálá” . Questo nome così difficile da tradurre, designa una realtà complessa dalla società mandinga. Massa Makhan DIABATÉ nel Janjon et autres chants populaires du Mali l’ha poeticamente tradotto con la pesante espressione “manche du maléfice” ovvero « antidoto del male ».
In realtà questo nome come buon numero di nozioni malinké ha diversi significati (positivi o negativi) secondo il contesto. Per semplificare, la “ñàmàkáláya” costituisce un insieme di persone di una casta che hanno vocazioni per alcuni lavori artigianali. Si può dire che questa casta assomiglia a una gran parte di « gente dell’arte » (intesa in senso pratico, manuale) del mondo malinké.
Per saperne di più, vedete il capitolo 5 del libro di Sory CAMARA, Gens de la parole, Essai sur la condition et le rôle des griots dans la société malinké; il capitolo è interamente dedicato alla definizione e ai molteplici aspetti di questa realtà.

In seno a questa casta esiste una gerarchia e i griot sono in cima a questa.
La scala gererchica dei “ñàmàkálá” in ordine crescente è la seguente :

  1. Le persone di forgia ( nùmú, in malinké)
  2. Gli artigiani del cuoio o calzolai ( kárãké ou garanké)
  3. Gli artigiani del legno ( kùlé)
  4. Le persone della parola ( fínà, fínè ou fùnè), griot particolari che dispongono solo della parola
  5. I griot ( jèlí ) propriamente detti che dispongono della parola, del canto e della musica come loro la intendono

Tra i griot, quindi, esistono delle categorie secondo le specializzazioni che gerarchizzano i rapporti?

Certo è che la forte rivalità tra i fínà e i jèlí fa si che non vi sia una vera e propria distinzione di superiorità sociale da un gruppo all’altro ; invece all’interno della stessa categoria dei jèlí c’è una gerarchia molto stretta: in testa ci sono i suonatori di strumenti a corda ; al secondo posto troviamo i suonatori di xilofono, i báláfolá, e quelli di strumenti a fiato, i bùdùfolá e i fìlèfolá ;all’ultimo posto ci sono tutti gli altri griot, soprattutto coloro che usano strumenti a percussione (specialmente tamburi).

RUOLO DEI GRIOT

I griot sono i depositari della memoria e della storia del Mande.

Oggi i griot sono conosciuti soprattutto come cantori e musici. Tuttavia restano primariamente i maestri della parola ; sono loro che fanno e disfanno le reputazioni, che placano o accendono l’ardore dei capi, che annunciano e magnificano la nascita, l’apogeo o la caduta di uno stato, che fanno entrare nella leggenda un bravo guerriero o usirne un cattivo.

E’ per questo che fin quando esisteranno le tradizioni mandinghe, questi nomi del celebre griot Mamadou Kouyaté resteranno d’attualità :

Noi siamo dei sacchi di parole, noi siamo i sacchi che racchiudono segreti il più delle volte secolari. L’arte della parola non ha segreti per noi, senza di noi i nomi dei re cadrebbero nell’oblio, noi siamo la memoria degli uomini ; attraverso la parola noi diamo vita ai fatti e ai gesti dei re di fronte alle nuove generazioni. Io ho ereditato la scienza di mio padre Djeli Kedian che a sua volta lui ereditò da suo padre. La storia non ha misteri per noi, insegniamo al popolo quello che vogliamo insegnar loro, siamo noi che deteniamo le chiavi delle dodici porte dei Mandinghi… 

Tag
Mostra di più
Pulsante per tornare all'inizio
error: Content is protected !!
Chiudi
Chiudi